Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Blog

La classe non è acqua (minerale)

L’albero

Posted by on giovedì, maggio 24, 2018 in Streghe | 0 comments

Una mia zia aveva una situazione familiare abbastanza complicata. C’erano di mezzo matrimoni successivi, sia suoi che dell’ultimo marito, figli di primo e secondo letto, cuginanze incrociate, e così via. Una parente della zia aveva cercato di spiegarmi i complicati intrecci, a voce – allora non c’erano le presentazioni in PowerPoint – durante un pranzo di nozze. Mamma mia, come si fa a orientarsi? Lei rispose: Eh sì, ci vuole l’albero ginecologico. Dovetti fare un grande sforzo per non ridere. Chi dice che...

read more

Giovannino e i pisani

Posted by on martedì, maggio 22, 2018 in Wurstel | 0 comments

Non c’è solo un Pascoli morbosamente cattolico – punitivo, evocatore di schiere di vergini o di feti che accompagnano l’agonia: c’è anche un Pascoli bucolico, che idealizza la vita di campagna come un Paradiso perduto. Un esempio è la serie di poemetti dedicata alla vita e e al lavoro di una famiglia di contadini di Barga, con personaggi che, come nelle serie televisive, ricorrono da una composizione all’altra (Dore, Rosa, Viola, Rigo, il cane Po …). Poemetti dai titoli come L’alba, Nei campo, Il...

read more

Paranoid

Posted by on domenica, maggio 20, 2018 in Pillole di Blog, Politica | 0 comments

Per paranoia si intende una psicosi caratterizzata da un delirio cronico, basato su un sistema di convinzioni, principalmente a tema persecutorio, non corrispondenti alla realtà. Questo sistema di convinzioni si manifesta sovente nel contesto di capacità cognitive e razionali altrimenti integre. (Tra l’altro, in greco si pronuncia parànoia). Fin qui la definizione di Wikipedia: nella mia generazione, il termine aveva altre accezioni. Poteva essere legato all’uso di droghe, o era legato a uno stato depressivo conflitttuale....

read more

Giovannino e l’etera

Posted by on sabato, maggio 19, 2018 in Wurstel | 0 comments

Pascoli era un grande studioso di greco e latino, ma nei suoi componimenti rimpallozzava tutto a modo suo, mettendoci un moralismo da piagnisteo, da far venire i sensi di colpa anche ai più scafati agnostici. Infatti, da bravo passivo – aggressivo (ricordiamoci la gelosia verso le sorelle), riusciva ad essere morbosamente truce. Tipico esempio, nella raccolta Poemi conviviali, la poesia L’etera. Una poesia per addetti ai lavori; io l’ho studiata per il mio concorso di abilitazione all’insegnamento, ormai tanto tempo...

read more

Stampatori e Visconti

Posted by on martedì, maggio 15, 2018 in Pillole di Blog | 0 comments

Qualche mese fa ho rivisto uno sceneggiato della mia gioventù, Marco Visconti, di Antongiulio Majano, tratto da un romanzo dell’Ottocento di Tommaso Grossi. Tra i motivi di fascino dello sceneggiato c’era anche l’ambientazione, in un vero castello medievale. Questo castello si trova in provincia di Cremona, a Soncino (una settantina di chilometri da Milano), una buona tappa per una gita fuori porta: ci sono stata sabato scorso con mio marito e due amiche (tra l’altro, nello stesso castello hanno girato un altro film...

read more

Tra andare e mandare

Posted by on domenica, maggio 13, 2018 in Mentre Vivo | 0 comments

Di norma, il dialetto umbro è lingua greve e umile, spesso anche volgare. Ma in alcuni casi si addolcisce, come in questo modo di dire che è tutto un eufemismo del vaffa. Quando qualcuno è particolarmente molesto, invece di mandarlo a quel paese, si usa dire Ci sei venuto o ti ci hanno mandato? A volte, infatti, chi disturba è sobillato da altri; o, peggio ancora, seccato a tal punto da voler scaricare su terzi una patata bollente, una rogna o semplicemente la rabbia. La stessa domanda, o una simile, viene posta più volte a Gesù nel Vangelo...

read more

Werner Fugazza e il Premier terzo

Posted by on sabato, maggio 12, 2018 in Politica, Senza categoria | 0 comments

Erano lì, sul pianerottolo di Werner Fugazza, e suonarono il campanello. Smadonnando (era pur sempre sabato mattina) il nostro eroe aprì la porta con diffidenza. Erano in due, sui quarant’anni a testa. Uno con barbetta e baffi, vestito sportivo con la felpa verde; l’altro ben rasato, impeccabile in giacca e cravatta. “Buongiorno, io sono Luigi,” disse Giacca-e-cravatta. “Buongiorno, io sono Matteo,” disse Felpa. “Se siete Testimoni di Genova o Morboni, vi avverto che non compro niente e non mi...

read more

L’ordalia curva

Posted by on giovedì, maggio 10, 2018 in Arti Marziali | 0 comments

Chi vedeva, decenni fa, i cartoni televisivi dei Pokémon ricorderà certamente lo svampito Professor Oak (Quercia in inglese), l’anziano studioso dei simpatici mostriciattoli, che una volta all’anno reclutava ragazzini e ragazzine di dieci anni per disperderli nel vasto mondo alla ricerca di Pokémon da catturare e classificare. Nell’applicazione per cellulare, Pokémon Go, il suo ruolo è svolto dal più giovane Professor Willow (Salice) che all’avvio del gioco istruisce brevemente il tuo avatar, gli assegna un Pokémon e...

read more

Giovannino e suor Virginia

Posted by on domenica, maggio 6, 2018 in Streghe | 0 comments

Questa poesia, tratta dai Primi poemetti di Giovanni Pascoli, si chiama Suor Virginia. Il pensiero non può che andare alla manzoniana Monaca di Monza (suor Virginia de Leyva), che non era certo un esempio edificante. Ci si aspetta un poemetto piccante. Niente di tutto questo. La storia è ambientata a Sogliano al Rubicone (provincia di Forlì), nello stesso collegio di suore dove da piccole avevano studiato le sorelle del Poeta, Maria e Ida. Il compito di suor Virginia nel collegio – un po’ come quello degli staffisti ai campi...

read more

La carta fin troppo intelligente

Posted by on sabato, maggio 5, 2018 in New York | 0 comments

Perdere la carta di credito (o, peggio, subirne il furto) è, come tutte sappiamo, un’esperienza spiacevole e assai stressante. Ovviamente la prima cosa da fare è chiamare l’apposito numero verde per bloccare la carta ed evitare che qualche malintenzionato ci prosciughi i fondi. Determinante, quindi, è la nostra iniziativa e presenza di spirito: nel renderci conto che qualcosa non va, e poi nel prendere le opportune misure per rimediare. Potremmo dire, si parva licet, che qui opera uno schema di tipo sinergico – cattolico: la...

read more