Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Blog

La classe non è acqua (minerale)

La miracolosa coccinella

Posted by on sabato, luglio 14, 2018 in Arti Marziali, Streghe | 0 comments

Ingredienti: liceali imbranati che si trasformano in supereroi, cattivi sghignazzanti, una metropoli da difendere. Suggerimento: non è Spiderman. Si tratta di Miraculous, serie animata franco-nippo-coreana, che ho scoperto ieri su Netflix e di cui ci siamo sparati cinque puntate (di 22 minuti ciascuna, non esageriamo) di fila. Sia chiaro, non sto parlando di Ingmar Bergman e neanche di Woody Allen, ma di un dignitoso prodotto di intrattenimento per tutte le età. I cartoni animati mi ricordano la giovinezza e le infinite maratone di Pokémon e...

read more

La mezza canna

Posted by on domenica, luglio 8, 2018 in Streghe | 0 comments

Nel Centro Italia, il termine fregna indica l’organo sessuale femminile. L’etimologia è discussa: per molti, deriva dal latino frangere (rompere), oppure da frendere (stringere), se non addirittura da fringium, da cui anche “fringuello” (vedi il link). Diversamente da altri termini riferiti al sesso femminile, fregna ha anche il significato traslato di sciocchezza o fandonia (si potrebbe utilizzare come sinonimo di fake news, per chi non ama troppo gli anglicismi). Il che ci porta al proverbio ternano di oggi, che...

read more

Quadri e annessi

Posted by on giovedì, luglio 5, 2018 in Scuola e dintorni | 0 comments

Ci sono donne avvenenti che, per qualche recondito motivo, si conciano in modo bislacco e barocco, indossando cose che non donano loro, e che dànno un effetto particolare. Sembrano la fotocopia delle proprie nonne.  C’è un modo di dire umbro anche per l’occasione: Se concia cuscì male che me pare ‘n quadro antico. Una volta, nella mia scuola, c’era una giovane supplente che incarnava perfettamente questo stereotipo. Pur essendo giovane e bella, bionda con gli occhi azzurri, si conciava come la zia Prysselius di Pippi...

read more

Il somaro e la ghiandola

Posted by on mercoledì, luglio 4, 2018 in Wurstel | 0 comments

Un tema che non passa mai di moda è quello delle diete. Nei nostri paesi ricchi, dove (almeno per ora) c’è più obesità che denutrizione, e dove uomini e (soprattutto) donne sono bombardati da modelli inarrivabili di forma e di snellezza a cui conformarsi, la dieta è sempre all’ordine del giorno. Di diete ne esistono migliaia, dalle più serie alle più ciarlatanesche, dalle più severe alle più indulgenti. Una dieta particolarmente radicale è quella del digiuno totale, ben conosciuta dai nostri antenati del contado umbro. Un detto...

read more

L’ultimo arrivato

Posted by on domenica, luglio 1, 2018 in Libri | 0 comments

Marco Balzano, candidato quest’anno al premio Strega (per il libro Resto qui, Einaudi), ha dato un’ottima prova di sé anche in un romanzo del 2015, dal titolo L’ultimo arrivato (vincitore tra l’altro del Campiello). Ninetto, detto Pelleossa, si trasferisce giovanissimo dalla natia Sicilia a Milano, nel 1959. Fenomeno che ora coinvolge i piccoli immigrati, ma che decenni fa riguardava bambini italiani in fuga da miseria e deprivazione. Il protagonista ripercorre gli anni pesanti del lavoro e della fatica e approda, con...

read more

Traumi infantili

Posted by on sabato, giugno 30, 2018 in Wurstel | 0 comments

Recentemente il regista Steven Spielberg è stato accusato di crudeltà perché si è fatto fotografare accanto a quello che sembrava un cadavere di dinosauro, in posa tipo cacciatore. Ovviamente, si trattava di uno di quei robot che usano per i film della serie Jurassic Park e sottoprodotti. Ne sono seguite grandi polemiche sui social: evidentemente molti non si ricordano che i dinosauri si sono estinti milioni di anni fa, prima dell’apparizione dei primi oninidi sulla Terra e non certo per colpa di cacciatori che volevano mangiarne la...

read more

Non è tutto oro

Posted by on domenica, giugno 24, 2018 in Wurstel | 0 comments

Qualche giorno fa il mio amico Antonio Toscano commentava una foto sfavillante del grattacielo Unicredit di Milano, sito nella zona trendy di Piazza Gae Aulenti. La torre del grattacielo svetta su tutti i palazzi delle città, e fotografato col sole si tinge d’oro. Giustamente Antonio commentava: Non è tutto oro quello che riluce, pensando probabilmente a chi lì dentro ci lavora, in questa afose giornate d’inizio estate. Ma anche alle sordide storie di tangenti o di speculazione, troppo spesso nascoste dietro lo splendore di una...

read more

Tormentoni estivi

Posted by on sabato, giugno 23, 2018 in Mentre Vivo | 0 comments

Puntualmente tornano, a giugno, tutti gli anni. Sono i tormentoni musicali estivi. Quasi sempre musica latina, ballabile e ossessiva. Spesso associata alle offerte di navigazione dei cellulari, o ai gelati. Difficili da distinguere dai successi dell’anno precedente, come la musichetta degli spot Vodafone che sembra copiata da A mi me gustan mayores. Questa canzone, di una tale Becky G., da un anno le compagne di appartamento di mia figlia se la ascoltano da mattina presto a notte inoltrata. Il testo sembra scritto da Berlusconi, visto...

read more

Le ragazze ambite e le loro mamme

Posted by on giovedì, giugno 21, 2018 in Streghe | 0 comments

Nel Centro Italia, tra Lazio e Umbria, il termine signora è abbreviato con sora (derivato forse anche dal latino soror). Un modo amichevole e diretto, anche, di avvicinare le donne le une alle altre, per creare confidenza ma, ahimé, anche per potersi sparlare alle spalle. Ricorre nei proverbi e nei modi di dire, tra cui La figlia della sora Camilla, tutti la vogliono e nessuno la piglia. Sono proverbi d’altri tempi, che profumano di lenzuola di bucato stese al sole e di matrimoni combinati. Di ragazze il cui unico destino era trovarsi...

read more

Emergenze a intermittenza

Posted by on domenica, giugno 17, 2018 in Scuola e dintorni | 0 comments

In questi ultimi mesi sentiamo parlare in continuazione di violenze e intimidazioni contro gli insegnanti, da parte sia di studenti che di genitori. Come spesso succede con i media, sembra un fenomeno inedito e apparso dal nulla. L’informazione funziona così: per giorni o settimane si parla solo di un certo fenomeno – rapine in villa, zingari, stupri, buche per strada – come se non fosse mai accaduto prima e succedesse solo quello. Passano le settimane e non se ne parla più. Ricordo che, più di dieci anni fa, alla consegna...

read more