Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Blog

La classe non è acqua (minerale)

La guerra del Belugi

Posted by on domenica, luglio 12, 2020 in Casoretto e dintorni | Commenti disabilitati su La guerra del Belugi

Oggi, su un muro all’inizio di via Casoretto, là deve di solito stanno gli appelli accorati per i mici smarriti o le pubblicità di idraulici e traslocatori, campeggiava questo volantino in A4, che vi riproduco di seguito nel suo incontaminato splendore. il Covid Il Corona virus è causato da abusi Sessuali irrazionali, come l’omosessuaità e l’uso del sesso tra uomo e animale? O questo virus è causato dalle Radiazioni nucleari di esperimenti nucleari negli Oceani e il Deserto o da Cimitero di Scorie nucleari che non è molto...

read more

Un’offerta che non si poteva rifiutare

Posted by on sabato, luglio 11, 2020 in Scuola e dintorni | Commenti disabilitati su Un’offerta che non si poteva rifiutare

Scusate la prolungata latitanza del blog, ma ho avuto da fare. Poiché, come tutti sanno, insegno al biennio delle superiori, normalmente riesco a evitare l’esame di Stato. Come commissari (interni o esterni) prendono in genere i docenti del triennio; per fare i presidenti di commissione bisogna fare apposita domanda che mi astengo scrupolosamente dal fare. Ma quest’anno, causa pandemia, tutto è stato diverso. Fin dall’inizio di giugno, si era capito che nessuno era al sicuro e che per l’incarico più temuto, quello di...

read more

Il prossimo incubo

Posted by on sabato, giugno 6, 2020 in Scuola e dintorni | Commenti disabilitati su Il prossimo incubo

E al tempo della Grande Pandemia, COVID generò DAD. Venuto il tempo della Valutazione, DAD si accoppiò con MIUR e generò PIA e PAI. Nel linguaggio delle saghe, tra Genesi e fantasy, la racconteremmo così. Fatto sta che, da quando si è cominciato a predisporre gli scrutini di fine anno scolastico, gli insegnanti del nostro Paese hanno dovuto imparare due nuove sigle, da aggiungere allo zoo già esistente: PIA e PAI. Molto somiglianti e già questo ingenera confusione: il PAI (Piano di Apprendimento Individualizzato) va assegnato agli studenti...

read more

Baal è tornato

Posted by on sabato, maggio 16, 2020 in Mentre Vivo, Wurstel | Commenti disabilitati su Baal è tornato

Ogni frequentatore della metropolitana milanese (soprattutto della linea Rossa, la 1) conosce Lucifero e Baal. Attenzione: non sto accusando di satanismo i city users. Mi riferisco ai graffiti firmati Lucifero culo e Baal culo che ognuno può ammirare nel sottosuolo e nelle vicinanze. Scritte – che compaiono ormai da oltre vent’anni – di insulto alle suddette entità maligne, di cui nessuno ha potuto individuare l’autore (o più probabilmente gli autori). Personalmente, sono due mesi e mezzo che non mi reco nel centro di...

read more

La preghiera mattutina

Posted by on domenica, maggio 10, 2020 in Fede, Politica | Commenti disabilitati su La preghiera mattutina

“La preghiera del mattino dell’uomo moderno è la lettura del giornale. Ci permette di situarci quotidianamente nel nostro mondo storico”. Così scriveva, più di due secoli fa, il filosofo Georg Wilhelm Friedrich Hegel. E il teologo riformato Karl Barth ebbe a dire che per fare una buona predica occorre avere in una mano la Bibbia e nell’altra il giornale. Che direbbero oggi? Sono abbastanza anziana per ricordarmi di quando esisteva più di un quotidfiano di sinistra. C’era Il Manifesto, Lotta Continua, il...

read more

Podopornografia

Posted by on sabato, maggio 9, 2020 in Wurstel | Commenti disabilitati su Podopornografia

Quando mia figlia cominciò le elementari, non c’erano gli attuali smartphone (che mio marito raccomanda di chiamare “furbofoni”) dotati di fotocamera, videocamera, navigazione in Rete e decine di sofisticate applicazioni che oggi ci sembrano esistere da sempre. Sembra incredibile, ma quando si andava a mangiare con parenti, amici e colleghi, i telefonini rimanevano dormienti sul tavolo, pronti a squillare solo in caso di reale emergenza, non da consultare compulsivamente a discapito della conversazione. Imparato...

read more

Il Protettore e il Sultano

Posted by on domenica, aprile 26, 2020 in Wurstel | Commenti disabilitati su Il Protettore e il Sultano

Da poco ho cominciato a vedere su Netflix The Protector, serie turca (che vedo in inglese) ambientata nell’Istanbul di oggi. Potremmo definirla come una storia di “fantasy conremporaneo”: il protagonista scopre di avere legami con un ordine antico e segreto incaricato di proteggere la città e ottiene poteri mistici tramite oggetti magici. Sono tre stagioni e me le sto vedendo con calma, aiutata dal molto tempo che sono obbligata a trascorrere in casa. Ma la cosa strana è che dal giorno dopo che ho iniziato a vedere la serie,...

read more

25 aprile 2020

Posted by on sabato, aprile 25, 2020 in Politica | Commenti disabilitati su 25 aprile 2020

Anche da casa si...

read more

Lettera a un’amica

Posted by on domenica, aprile 19, 2020 in Racconti | Commenti disabilitati su Lettera a un’amica

Cara Lia, stamattina mi sono svegliata alle sei e c’era una luna perfetta da boom economico e da anni prosperi, inadatta a questa quarantena che stiamo vedendo. Eppure essa occhieggiava in un cielo limpido, in un’aria pulita che non ricordavo più, semmai una volta qui a Milano ci fosse stata. La luna è una condizione dello spirito quando appare all’alba, ti fa capire che i contrasti nella vita esistono e che questo è il momento di guardarli in faccia, perché tanto non possiamo fare altro. Ti puoi sedere e puoi ricordare...

read more

Nuove frontiere della didattica a distanza

Posted by on sabato, aprile 18, 2020 in Scuola e dintorni | Commenti disabilitati su Nuove frontiere della didattica a distanza

Anche il Liceo delle Scienze Coreutiche Lucas Stephen Grabeel (LSC LSG, per gli amici), dal 24 febbraio aveva chiuso i battenti causa emergenza Covid-19, e docenti e discenti avevano dovuto entrare, per amore o per forza, nell’Era della Didattica a Distanza. Irriducibili adepti del tutto-cartaceo e analfabeti digitali avevano dovuto convertirsi rapidamente e in modo confuso, stante la mancanza di chiare indicazioni ministeriali. Il Preside Pigliaceli ogni due settimane si innamorava di una nuova App per lezioni, riunioni e classi...

read more