Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on sabato, gennaio 5, 2019 in Mentre Vivo |

Le buone pratiche per il 2019

Lo so che di solito questo discorso si fa poco prima della fine dell’anno, ma queste vacanze sono state felicemente movimentate, e in realtà il mio lavoro salariato (la scuola) non è ancora ripreso, quindi vi propongo adesso un piccolo decalogo, che spero di rispettare per stare meglio nell’anno nuovo.

1) Evitare di perdere tempo sui social a guardare il profilo delle persone del passato, che magari – complice la comunicazione digitale – si sono fatte vive per un attimo, e poi sono scomparse di nuovo. Come dice un vecchio proverbio umbro, minestra riscaldata non fu mai buona.

2) Evitare pazientemente le persone moleste, quelle che ti fanno perdere tempo e ti snervano. Se proprio non se ne può fare a meno, rivolgersi a loro con cortesia, parlando del minimo indispensabile, senza ulteriori coinvolgimenti.

3) Allenarmi di più a Karate. Gioverà sia al fisico che allo spirito, e Andrea (il mio allenatore) ne sarà contento.

4) Evitare i dolci (dopo lo smaltimento delle scorte accumulate durante le feste).

5) Non farmi mettere ansia dalla burocrazia. Non è facile, ma dirsi ogni tanto: “non muore nessuno se questa cosa che scade fra un mese la faccio domani” può risultare opportuno.

6) Non criticare e non pretendere troppo dagli altri, dal marito fino agli studenti.

7) Alzarsi dal letto, stendere le braccia in alto e dire SI’! all’inizio di ogni giornata. Lo dicono tutti i siti di mindfulness: tentar non nuoce.

8) Sorridere, sorridere, sorridere. Magari all’inizio è uno sforzo, ma quando scende nella pancia si sta meglio.

9) Andare più spesso a teatro.

10) Last but not least, fare una rimpatriata col gruppo di scrittura della Pluma.

E voi, che buoni propositi avete?

Read More

Posted by on domenica, dicembre 9, 2018 in Mentre Vivo |

Aggiornamento tormentato

Di solito, quando si parla di “tormentoni estivi”, il pensiero corre a canzoni che parlano di sole, mare, cuore e amore, o a ossessivi ritmi latinoamericani abbinati alle offerte di chiamate, SMS e Giga illimitati. Quest’anno, per mio suocero, che ci ha ospitato per qualche settimana al mare col resto della tribù familiare, il problema era l’abbonamento alle partite del campionato di calcio. Come abbonato a Premium Calcio, mio suocero si è trovato a dover passare alla nuova piattaforma DAZN (pronuncia dazòn, non chiedetemi perché). Coadiuvato da mio cognato e dal nipotino tredicenne (mio marito si è chiamato fuori, in quanto lui il calcio lo sente esclusivamente per radio), mio suocero ha trascorso ore e ore a chiamare improbabili servizi di assistenza e call-center, per farsi spiegare come passare da un sistema all’altro, con risultati deludenti e frustranti. Finalmente ha ricevuto il suggerimento giusto: dal telefono in vivavoce è uscito il tonitruante grido di una virago dall’accento siciliano: “AVETE FATTO L’AGGIORNAMENTO DELLA CAMMMMMM???”. Per i profani: la CAM (con una Emme sola) è una specie di tesserina che si infila nell’apposito comparto del televisore digitale. Dopo innumerevoli tentativi (a un certo punto mio suocero era talmente confuso che per sbaglio ha infilato la carta fedeltà della Carrefour) l’operazione è riuscita e, sia pure in ritardo di una settimana, abbiamo potuto goderci le partite del campionato più noioso del mondo, in cui diciannove squadre combattono e una sola vince. A questo punto, però, il tormentone era entrato in testa a tutti: mia figlia ne ha fatto persino un video. Stanca per le innumerevoli riunioni a scuola, la settimana scorsa ho cominciato a ripetere, a proposito e soprattutto a sproposito, il tormentone, a pronunciarlo di fronte agli studenti nell’intervallo, spaventando i più sprovveduti, e poi a infilarlo a random nei commenti agli altrui post di Facebook. Ci ho guadagnato ventiquattro ore di bando temporaneo dal noto social network, ma almeno mi sono sfogata. Del resto, AVETE FATTO L’AGGIORNAMENTO DELLA CAMMMM???? non sarà un commento geniale, ma è senz’altro più intelligente e meno razzista/sesssita/omofobo di quel che normalmente passa il convento social.

 

Read More

Posted by on sabato, novembre 10, 2018 in Mentre Vivo |

Il Piccolo Museo del Diario

Pieve Santo Stefano, in provincia di Arezzo al confine con l’Umbria, è un gioiello sconosciuto ai più. Il centro storico ben tenuto ospita tra l’altro una pregevole istituzione, l’Archivio Diaristico Nazionale. L’Archivio è stato fondato nel 1984 dallo scrittore e giornalista Saverio Tutino, che cominciò a raccogliere diari, carteggi, testimonianze di gente comune. Un patrimonio che comprende oltre ottomila scritti a carattere autobiografico. Per rendere fruibile al pubblico l’Archivio, successivamente è stato costituito il Piccolo Museo del Diario, dove queste testimonianze sono presentate ai visitatori. L’ingresso del Museo è dalla sala del Consiglio comunale, dove è conservata una bellissima terracotta di Luca Della Robbia, ma la vera sorpresa è oltre la porta. C’è un corridoio con moltissime cassettiere. Aprendo i cassetti si avvia un video che mostra il documento in questione, e la voce di un attore recita il contenuto del diario o del carteggio, riportando in vita le storie di molti italiani e italiane, che altrimenti sarebbero finite nell’oblio. Come se si volesse attuare il proposito del Manzoni di riportare in vita le storie di chi non ha lasciato traccia nei documenti ufficiali (Lettera a M. Chauvet, 1820). Una sala è dedicata allo straordinario Lenzuolo a due piazze, che una contadina del mantovano, Clelia Marchi, riempì di scritte dopo la morte del marito, affidando la storia della sua vita alle trame di cotone. Ci sono anche molte testimonianze di italiani che emigrarono nel mondo in cerca di lavoro e di fortuna. Storie sempre attuali, visto che siamo diventati paese di immigrazione ma, al contempo, di nuova emigrazione.

Read More

Posted by on sabato, settembre 1, 2018 in Mentre Vivo |

Preferisco fare lo jodel

Ho passato otto giorni di vacanza, a metà agosto, in Tirolo, con base a Mutters, paesino collinare (818 metri s.l.m.) non lontano da Innsbruck. Soggiorno riposante, aria buona e fresca, belle passeggiate. Ma, fra le tante cose, una mancava: lo jodel, la musica tipica delle aree germanofone alpine. Nata come richiamo per il bestiame, caratterizzata dal passaggio improvvisio della voce dal tono normale al falsetto, insomma il ben noto Yolilili-yolilili-yolilili-u-u… che avrete sentito in qualsiasi pubblicità di formaggi tipici o di caramelle rinfrescanti. Bestiame ce n’era (in un altro post, se volete, parlerò dei miei incontri ravvicinati con le mucche), ma evidentemente nessuno aveva bisogno di richiamarlo in modo tradizionale.

Finché, il venerdì sera, ecco l’occasione: spettacolo folkloristico (gratuito) in piazza! Si presenta sul palco una nutrita orchestrina di amatori, tutti del luogo, in costume tradizionale. Il direttore, dopo un breve discorso di circostanza, agita la bacchetta e parte il primo pezzo. Dopo trenta secondi, mio marito lo riconosce: è l’inno sovietico! Tantantatanta, tantatantatanta, tatantantantantatttattattata… ricordo, però, che Putin l’ha riciclato come inno della Santa Russia cambiando solo appena le parole. Seguono sigle di telefilm, canzoni pop internazionali, evergreen di jazz … ma niente Jodel. Verso la fine, una vigorosa ed epica marcia. “La Cavalcata delle Valchirie?” chiede Giorgio, che di musica classica capisce quanto io di fisica quantistica. “No, Star Wars,” rispondo sottovoce. Uno spettatore, magro dai capelli grigi, si alza e fa il pugno chiuso. Un sostenitore dell’Alleanza Ribelle o un filosovietico dai riflessi lenti? La serata finisce con qualche bis, tra cui il Boogie Woogie, ma niente Jodel. E neanche canzoni da Tutti insieme appassionatamente (per gli anglofoni, The Sound of Music) che pensavo fosse la colonna sonora locale (poi ho verificato che è più della zona di Salisburgo). Delusione.

Domenica mattina, causa lavori sulla linea ferroviaria ci tocca prendere il bus sostitutivo tra Innsbruck e il Brennero. Sui bus c’è sempre la radio accesa: e la radio del conducente trasmette Jodel non-stop. Finalmente! Quarantacinque minuti di quella stupenda musica che Sir Walter Scott definiva una variazione sul tema del raglio di un somaro. Ma i britannici sono solo invidiosi perché la loro vetta più alta raggiunge appena appena la quota della terza casetta di Agape …

Read More

Posted by on sabato, giugno 23, 2018 in Mentre Vivo |

Tormentoni estivi

Puntualmente tornano, a giugno, tutti gli anni. Sono i tormentoni musicali estivi. Quasi sempre musica latina, ballabile e ossessiva. Spesso associata alle offerte di navigazione dei cellulari, o ai gelati. Difficili da distinguere dai successi dell’anno precedente, come la musichetta degli spot Vodafone che sembra copiata da A mi me gustan mayores. Questa canzone, di una tale Becky G., da un anno le compagne di appartamento di mia figlia se la ascoltano da mattina presto a notte inoltrata. Il testo sembra scritto da Berlusconi, visto che suggerisce che l’ideale per una ragazza sia trovarsi un anziano danaroso che la mantenga.

Qualche mese fa, mentre ancora faceva freddo e ci preoccupavamo se avremmo avuto o no un governo (sarebbe stato meglio non averlo avuto), qualcuno ci aveva avvertito: Mentre voi ridete e scherzate, qualcuno in Spagna o in America sta già preparando il prossimo tormentone che vi sfracanerà i marroni per tutta l’estate. Il caldo è arrivato, e con esso le musiche fatte con lo stampino che ci perseguiteranno fino a settembre. Sarà un massacro. Ma sempre meglio dei proclami di Salvini.

 

Read More

Posted by on domenica, maggio 13, 2018 in Mentre Vivo |

Tra andare e mandare

Di norma, il dialetto umbro è lingua greve e umile, spesso anche volgare. Ma in alcuni casi si addolcisce, come in questo modo di dire che è tutto un eufemismo del vaffa. Quando qualcuno è particolarmente molesto, invece di mandarlo a quel paese, si usa dire Ci sei venuto o ti ci hanno mandato? A volte, infatti, chi disturba è sobillato da altri; o, peggio ancora, seccato a tal punto da voler scaricare su terzi una patata bollente, una rogna o semplicemente la rabbia. La stessa domanda, o una simile, viene posta più volte a Gesù nel Vangelo secondo Giovanni. Evidentemente, anche lui rompeva le palle a molti, ma a fin di bene.

Ovviamente, questo nobile richiamo teologico non deve giustificare i rompiballe odierni: di Gesù ce n’è stato uno solo!

Da non confondere col proverbio italiano Chi vuole vada e chi non vuole mandi: qui ha più a che vedere con l’abitudine di mandare gli altri allo sbaraglio, restando comodi al calduccio: tipica prassi sia militare che aziendale.

Read More