Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on sabato, gennaio 19, 2019 in Arti Marziali |

Keep calm and carry on

Spesso è difficile mantenere la calma nei ritmi quotidiani di Milano. Mia figlia dice che, rispetto a New York, la metropoli lombarda ha le suggestioni arcadiche del paesello, mentre a me pare di correre dalla mattina alla sera, e soprattutto di spendere un sacco di energie per affrontare un problema dopo l’altro. Purtroppo le forze le devo risparmiare: l’età avanza, ma è ancora presto per andare in pensione. Mi sono proposta di seguire qualche indicazione per non arrivare come uno straccetto a fine giornata:

1) Respirare. Seguire nei momenti critici la regola di fare un respiro profondo, di pancia, trattenendo l’aria ed espirando con la bocca. Funziona, non solo in palestra.

2) Evitare la gente molesta. Quella che ti fa perdere tempo, perché fa critiche inutili, che non portano benefici, ma che denotano solo invidia, competizione, voglia di ferire. Se si ha a che fare con questa gente al lavoro, limitare i danni e rimanere esclusivamente sul piano operativo. Altrimenti, mollare i rapporti, cancellarli dai social, se necessario bloccarne il numero di telefono.

3) La pennichella. Se si può, una mezz’ora di riposo dopo i pasti è un toccasana contro il logorio della vita (post) moderna. Ovviamente, fare attenzione, prima di stendersi sul letto, a scollegare e disattivare qualsiasi dispositivo di comunicazione nel raggio di un chilometro.

4) Rispondere “vedrò, vedremo” a chi ti fa proposte indecenti di conferenze, presentazioni di libri, giaculatorie varie, nella sera in cui vai in palestra o hai prenotato il teatro. Ho smesso di fare il giochino e di dire “ma ho la palestra!”, perché tanto dall’altra parte arriva uno scandalizzato “ma come, ma vuoi mettere? per una volta non ci vai!”. Meglio un po’ di ipocrita diplomazia che l’ira dei draghi.

5) Stare un po’ da sola. Chiamatela caverna, spazio, o come vi pare, ma questa opzione gratis è necessaria per ricaricare le batterie.

(Nota: lo slogan che dà il titolo al post risale al 1939, e fu prodotto dal governo britannico per esortare la popolazione a non farsi prendere dal panico in caso di invasione nemica. Direi che con tanti aspiranti eredi di Mussolini e Hitler in giro, ci può stare.)