Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on sabato, Dicembre 4, 2021 in Casoretto e dintorni |

Prolegomeni al ritorno di Werner Fugazza

Ricordate come finiva l’ultima avventura di Werner Fugazza, pubblicata il 4 aprile del 2020?

Werner scoprì (…) che la Filiale era chiusa per sanificazione. Offeso a morte perché nessuno gliel’aveva detto, decise di non mettere più piede fuori di casa (almeno sino al termine delle scorte di Nutella), e di non tornare al lavoro finché qualcuno non l’avesse avvisato nelle dovute forme della riapertura. Ma siccome Werner Fugazza continua sistematicamente a eliminare tutte le mail senza leggerle, ho idea che siamo in un cul de sac.

Eh sì, il Narratore (o meglio, la Narratrice) Onnisciente, volendo eliminare il personaggio in maniera meno cruenta di quanto aveva fatto Sir Arthur Conan Doyle con Sherlock Holmes, aveva posto il Nostro Eroe in una situazione apparentemente senza uscita. Ma con gli eroi (e coi cantori delle loro imprese) non si sa mai. Una scappatoia ci sta sempre.

Viene a fagiuolo un aneddoto raccontato dallo scrittore francese Jean Charles:

Uno specialista americano di romanzi a puntate venne brutalmente licenziato dal direttore del giornale per cui lavorava. Fu dato ordine a un altro specialista di continuare il romanzo in corso che appassionava i lettori. Purtroppo lo specialista si dichiarò incapace di proseguire. L’ultimo testo consegnato dal collaboratore congedato finiva con l’eroe rinchiuso in una cassaforte, non apribile dall’interno, di cui era l’unico a conoscere la combinazione, le cui pareti erano tanto spesse da non potere essere demolite. (Nota: l’aneddoto risale agli anni Cinquanta, quindi niente cellulari o Internet). Fu giocoforza richiamare in servizio lo scrittore, che in cambio di un aumento di compenso si rimise al lavoro. Quando il giornale uscì dalla rotativa, tutti si gettarono sulle copie per leggere questa semplice frase: QUANDO IL NOSTRO EROE FU USCITO DALLA CASSAFORTE …

E così anche noi ricominceremo con queste poche parole:

Quando Werner Fugazza fece ritorno in ufficio …

Alla prossima!