Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on martedì, dicembre 25, 2018 in Fede, Pillole di Blog, Politica |

Red Christmas Playlist 3 – E’ nato, si dice

Terza puntata del canzoniere natalizio alternativo a cura di Giorgio Guelmani. Le prime due puntate sono state postate il 23 e il 24 dicembre.

In questa rivisitazione alternativa della figura di Gesù e del Natale, ci può stare anche una canzone italiana (almeno, mi risparmio la fatica della traduzione). Una scelta ovvia sarebbe ricorrere a una delle tracce di La buona novella, il disco che nel 1970 Fabrizio De André ha dedicato al Maestro di Nazaret. Devo ammettere che, pur riconoscendo i grandi meriti del disco, e apprezzandone alcune canzoni (le mie preferite sono Maria nella bottega del falegname e Il testamento di Tito), non lo ritengo il meglio che il grande Faber abbia fatto, anche in tema di rapporto conflittuale con la spiritualità e il divino (Smisurata preghiera, opera più tarda, è molto meglio). In particolare trovo insopportabile tutta la prima metà dell’album, dedicata alle figure di Giuseppe e Maria. Quel che mi convince meno è quell’idea da vecchia sinistra un po’ superficiale secondo cui i Vangeli apocrifi sarebbero più interessanti e progressistri di quelli “canonici”. Se ne potrebbe discutere per ore.

Meglio allora riscoprire qualcosa di meno conosciuto: questa “canzone natalizia sotto mentite spoglie” realizzata da Pierangelo Bertoli (1942 – 2002), grande cantautore emiliano, popolare ma non populista. E’ nato, si dice fa parte di Eppure soffia (1976), il primo suo album a grande distribuzione. Direi che il testo, nella sua denuncia dell’ipocrisia della cultura dominante, parla da solo.

I’m dreaming of a White Christmas…
Natale! Natale! Natale!

Allora è arrivato Natale, Natale la festa di tutti,
si scorda chi è stato cattivo, si baciano i belli ed i brutti
si mandan gli auguri agli amici, scopriamo che c’è il panettone
bottiglie di vino moscato e c’è il premio di produzione.

È nato si dice poi fu crocifisso,
aveva diviso il mondo in due parti
e quelli che l’hanno trattato più male
son quelli che hanno inventato il Natale

C’è l’angolo per il presepio e l’albero per i bambini
i magi, la stella cometa e tanti altri cosi divini
i preti tirati a parata la legge racconta che è onesta
le fabbriche vanno più piano, insomma è un giorno di festa.

È nato si dice poi fu crocifisso,
aveva diviso il mondo in due parti
e quelli che l’hanno trattato più male
son quelli che hanno inventato il Natale, Natale, Natale

È festa persino in galera e dentro alle case di cura
soltanto che dopo la festa la vita ritornerà dura
ma oggi baciamo il nemico o quelli che passano accanto
o l’asino dentro la greppia: Natale è il giorno più santo.

(Astro del ciel, pargol divin, mite agnello re…
Natale! Natale! Natale!)