Crea sito
Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on domenica, settembre 15, 2019 in Casoretto e dintorni, Politica |

Il Ritorno del Giustiziere

Werner Fugazza dormiva saporitamente. Grazie a una leggera cena a base di zampetti di rana fritti al tamarindo, stava facendo splendidi sogni. Si trovava al Papeete Beach di Milano Marittima ed era Giudice Unico con Privilegio di Manomorta al Concorso Miss Chiappe Sode 2019. La fila delle aspiranti era lunghissima, e tutte offrivano generosamente il fondoschiena alle esperte mani di Werner. Quando ebbe finito di tastare l’ultima concorrente, costei si voltò improvvisamente. Werner sbiancò: la ragazza era un uomo robusto con barba e baffi, peli in abbondanza, un vistoso crocifisso al collo.

“Cos’ho fatto?!? Ho tastato il culo a un uomo sessuale! Sono contaminato, devo andare a lavarmi le mani!”, gridò Werner disperato, come cercando di uscire dal sogno che si stava trasformando in un incubo.

“Bacioni, Werner! Non mi riconosci? Sono il tuo Capitano!” disse l’uomo sorridendo.

“Sei Javier Zanetti???” si stupì Werner, “ti ricordavo più magro e quella barbetta non ti dona, si vede che stare alla scrivania ti fa male”.

“Ma che Javier! Sono Matteo …”

“Politano??? E da quando Conte ti ha dato la fascia?'”

A sentire quell’infausto cognome di cinque lettere, l’uomo divenne viola con sfumature marroni. Poi si calmò. “Macché Politano, sono milanista!” E girò su sé stesso vorticosamente. Ora non era più in costume da bagno, ma indossava una felpa verde con la scritta GENIO GUASTATORI.

Werner si inginocchiò. “Ora ti riconosco! O Capitano! Mio Capitano!”.

Capitan Matteo rifilò a Werner un’affettuosa pacca sul coppino. “Mi hanno riferito che hai battuto la fiacca ultimamente, Fugazza. Il blog che racconta le tue imprese tace da poco più di un anno”.

“Chiedo venia, Capitano, ma sapendo che Tu vegli sui tuoi sessanta milioni di figli, instancabile come un mediano di spinta, avevo pensato di riposarmi un po’ e godermi i semplici piaceri del pettegolezzo di quartiere e della buona tavola”.

“Non ti rimprovero per questo, ma ora sai che le Forze Oscure del Buonismo in Agguato mi hanno fatto le scarpe. Coloro che intingevano con me il pane nella Nutella mi hanno tradito e mi costringono a una lunga traversata nel Deserto dell’Opposizione”.

“E io che c’entro? Non vado neanche a votare, ho bruciato il certificato elettorale più di vent’anni fa, dandone da mangiare le ceneri al mio cagnetto di allora, l’indimenticabile Pistone.”

Ma Capitan Matteo non lo ascoltava. “Non ho più il Viminale e i corpi di polizia a disposizione, Fugazza. Devi essere tu – e quelli come te, dal Casoretto al Pigneto, dal Manzanarre al Reno, ad assicurare la giustizia e il decoro, difendendo gli italiani dal degrado, dagli zingari, dai culattoni, dai musulmani, dai negri e dai centri sociali.”

“Anche dai terùn?”

“Massì, anche dai terùn”, concesse il Capitano, “fino a nuovo ordine.”

Werner Fugazza si drizzò in tutta la sua possanza. “Sono pronto! Da domattina il Casoretto tornerà a conoscere il Giustiziere di via Falloppio, da troppo tempo inattivo! Non ti deluderò, Capitano!”

“Ritornerò!” promise solennemente il Capitano stendendo la sua mano benedicente. Poi scomparve, circonfuso in un alone di luce, mentre nell’aria si dispiegava il soave odore dell’ossobuco al mojito.

Tutto emozionato, Werner Fugazza tornò a dormire e ben presto si riaddormentò, sognando eroiche imprese e sublimi pulizie etniche.

Nell’appartamento accanto, improvvisamente, l’ansible dell’ingegner Scannabue si mise a lampeggiare, segnalando un’Interferenza nella Forza …